Bellezza: sempre più uomini dal medico estetico, botox ritocco preferito

In passato ci andavano spinti da mogli e fidanzate. Oggi dal medico estetico gli uomini ci vanno da soli e richiedono (sempre di più) soprattutto punturine di botox, filler, trattamento della ‘pancetta’, depilazione definitiva (schiena, gambe, addome) e biostimolazione.

Mentre per le donne la ‘top 5’ si inverte: filler, botox, cancellazione delle macchie scure sulle mani, eliminazione delle adiposità e depilazione. Se ne parla in occasione del XXXV Congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica (Sime) che si apre oggi a Roma. “Gli uomini – assicura il presidente del congresso, Emanuele Bartoletti – sono molto attenti alla prescrizione cosmetica, perché si rendono conto che la pelle avrà dei benefici utilizzando dei cosmetici ad hoc, ovviamente interamente dedicati a loro e completamente diversi da quelli delle donne. Non c’è azienda di cosmetici di un certo livello ormai che non abbia la sua linea ‘maschile’ ed è giusto che sia così, perché la pelle dell’uomo ha delle caratteristiche e delle necessità completamente diverse da quelle della donna. Differenze di genere che si rispecchiano anche nei trattamenti; il labbro dell’uomo, ad esempio non può essere trattato come quello di una donna. Stessa cosa vale per i trattamenti a base di tossina botulinica”. “L’uomo a differenza della donna – spiega l’esperto – è in genere molto più espressivo. Per cui cercare di avere su un uomo lo stesso risultato di riduzione di movimento che si ottiene su una donna è sbagliato. Pensare che nell’uomo sia necessario usare una maggior quantità di tossina botulinica perché la muscolatura è più grossa, più forte e più potente, non è del tutto corretto. Riteniamo infatti che nell’uomo vadano utilizzate le stesse quantità di tossina che utilizziamo nella donna; se il risultato non è soddisfacente lo si può sempre ritoccare dopo 15 giorni, ma non succede di frequente. E le differenze con la donna non riguardano solo la quantità di tossina da utilizzare ma anche la tecnica. L’uomo ha una stempiatura abbastanza alta, quindi normalmente va trattato su tutta l’area del muscolo frontale, al contrario della donna, nella quale dobbiamo limitarci a iniettare la tossina soltanto nella parte visibile del muscolo”.

(fonte: lamedicinaestetica.it)